Contratti in scadenza, necessari accordi individuali per prolungarli: il caso Smalling.

Come riferito da Il Tempo, serviranno degli accordi individuali per la questione dei contratti in scadenza il prossimo 30 giugno. Non è infatti possibile prolungarli d’ufficio senza che ci sia un accordo tra le singole parti.

IL CASO SMALLING – Quello del difensore inglese è un caso emblematico che potrebbe far capire bene le complessità anche per quanto riguarda tanti altri giocatori in Serie A. Smalling è tesserato con la Roma fino al 30 giugno, ma di proprietà del Manchester United che potrebbe trovarselo contro in Europa League. E i Red Devils, per non rischiare di doverlo affrontare, potrebbero richiamarlo alla base dall’1 luglio (pur senza farlo giocare). Un ragionamento che appunto potrebbe essere applicato ai tantissimi giocatori in prestito fra le varie squadre di Serie A. Lo si legge su TMW

Lascia un commento