Fonseca: “È una vittoria da grande squadra. Cerchiamo sempre di dominare il gioco, ma in alcune partite non è possibile. Contro l’Inter ce la giochiamo”

Al termine della gara vinta contro l’Hellas Verona per 1-3, il tecnico giallorosso Paulo Fonseca ha commentato il match 

Fonseca a Sky Sport

Una vittoria complicata?
“Sì, è una vittoria da grande squadra per l’atteggiamento, giocavamo contro un avversario che gioca bene al calcio, difficile da affrontare. Difendono bene e pressano in modo aggressivo. Non abbiamo giocato bene palla al piede, ma in queste gare l’atteggiamento è troppo importante”.

Si aspettava tanta qualità da Pellegrini?
“Sì, chi lo conosce sa quanto è forte. Sa fare l’ultimo passaggio, da grande giocatore”.

L’equilibrio difensivo?
“Devo dire che la squadra è migliorata in questo, l’equilibrio difensivo è molto importante nel nostro modo di giocare. Quando siamo sicuri in difesa, la squadra si sente in fiducia”.

La ricerca di equilibrio si può posticipare rispetto al dominare il gioco?
“Noi vogliamo dominare il gioco, mi piace molto quando la squadra gioca nella metà campo avversaria, ma in alcune partite non è possibile. Contro l’Hellas non era attuabile, è una squadra aggressiva che pressa e dovevamo giocare e pensare velocemente, cercando la velocità”.

Avete cambiato qualcosa dal punto di vista della preparazione dopo i molti infortuni?
“No, il lavoro è sempre lo stesso, anche perché molti degli infortuni erano traumatici”.

Fonseca a Roma TV:

Vittorie come questa fanno fare il salto di qualità?
“Oggi è stata una grande vittoria, giocare contro l’Hellas non è facile, loro sono molto aggressivi. Oggi non era importante avere il pallone, ma ribaltare velocemente l’azione e trovare la profondità. Abbiamo sofferto molto, ma abbiamo fatto bene e avuto un ottimo atteggiamento”.

Cosa le è piaciuto e cosa deve migliorare?
“Non dobbiamo dimenticare che tre giorni fa abbiamo giocato una partita importantissima. Oggi ha piovuto molto, non era facile fisicamente per la squadra. Mi sono piaciuti l’atteggiamento e la ricerca della profondità. Invece abbiamo avuto problemi a destra”.

La sconfitta con l’Atalanta ha aiutato a confrontarsi col Verona?
“Si, sono due squadre molto simili. La partita con l’Atalanta è stata molto importante per preparare questo match”.

Dopo la fatica di giovedì non era facile vincere una partita sporca come questa.
“Si, ero molto preoccupato perchè una squadra con queste caratteristiche è difficile da affrontare. Ma i miei giocatori hanno lottato e corso molto e messo in mostra lo spirito di squadra che io voglio. Solo così possiamo vincere le partite”.

Il gruppo è molto compatto?
“Si, dico sempre ai miei giocatori che la cosa più importante è lottare tutti insieme. Poi, se lo facciamo, con la qualità che abbiamo possiamo fare bene. È troppo importante avere questa mentalità”.

Fonseca in conferenza stampa:

Importante aver recuperato Mkhitaryan?
“Tecnicamente è molto forte, ha giocato molto bene. Ha aiutato la squadra. Ha fatto un bellissimo gol, su una gran giocata di Pellegrini e Perotti”.

Continua a non guardare la classifica?
“Certo che la guardo, ma adesso per me è importante la prossima partita. Sarà un grande test. Dobbiamo recuperare dei giocatori per questa partita”.

Cosa ha chiesto ai suoi giocatori prima della partita?
“L’abbiamo preparata in un giorno. Abbiamo dovuto cambiare di molto il modo di pensare la partita. È una squadra difficile da affrontare, è molto aggressiva. L’abbiamo preparata con grande obiettività. La profondità è stata importante per noi. Sappiamo di dover avere un buon atteggiamento. Oggi non abbiamo fatto benissimo con la palla, abbiamo giocato con un miglior atteggiamento difensivo”.

L’Inter è troppo più forte?
“In questo momento la classifica dimostra che sono più forti. Crediamo di potercela giocare”.

Kluivert come sta?
“Vediamo, penso non sia grave”.

L’avevate preparata così?
“Avevo detto che la cosa più importante non era avere la palla, ma andare in profondità. L’avevamo preparata così”.

Dove il Verona vi ha messi più in difficoltà?
“Sull’out di sinistra. Si sovrappongono molto su quel lato”.

C’è un giocatore del Verona che vorrebbe allenare?
“Adesso non cambierei i miei giocatori con nessuno”.

Lascia un commento