Si riapre la pista Icardi: il giocatore comincia a ragionare sul possibile trasferimento nella Capitale. Domenica scorsa incontro tra le parti a Ibiza

La Roma è alla ricerca (ormai da tempo) di un centravanti che possa sostituire un giocatore del calibro di Edin Dzeko, promesso all’Inter. Come riporta la Gazzetta dello Sport, per i giallorossi è tornato forte il nome di Mauro Icardi, ormai messo fuori rosa nel club milanese, oltre a quello di Higuain, che sembra voler restare alla JuveSe fino a qualche giorno fa si ipotizzava un finale a tinte bianconere per Icardi,  oggi il suo destino è davanti a un bivio: la Juve punta Lukaku, dunque sono rimaste a corteggiarlo Roma e Napoli. Manca l’apertura del giocatore per entrambi i club, ma non è detto che i capitolini possano proporre all’Inter l’ipotesi di inserire l’argentino nella trattativa Dzeko.

Secondo quanto riportato da Il Tempo, Icardi ha iniziato a ragionare seriamente su un trasferimento nella Capitale, visto che nei colloqui con il Napoli sono sorti dei problemi legati ai diritti d’immagine. Domenica ad Ibiza, inoltre, c’è stato un faccia a faccia tra un rappresentante della Roma e l’entourage dell’ex capitano dell’Inter. La trattativa è tutta in divenire non si è ancora approfondito il discorso dell’ingaggio.

Defrel e Pastore fuori dalla lista dei convocati per l’amichevole di questa sera contro il Perugia: ecco i motivi

Questa sera la Roma affronterà al Renato Curi il Perugia in un match amichevole, e nella giornata di ieri Paulo Fonseca ha stilato la lista dei convocati. È notizia dell’ultima ora però l’assenza di due calciatori: innanzitutto Defrel, al centro di trattative di mercato (vicino il suo trasferimento al Cagliari), poi Pastore, alle prese con un affaticamento muscolare. Per l’argentino non si tratta di nulla di grave, i medici hanno preferito risparmiarlo.

Da escludere l’inserimento di Vergani nella trattativa Dzeko-Inter. Retroscena sul bosniaco: rifiutata l’ipotesi rinnovo da parte di Petrachi

Nelle ultime ore era tornata di moda l’ipotesi di un inserimento del giovane talento Vergani dell’Inter nella trattativa per Dzeko ma, come riporta La Gazzetta dello Sport, è un’opzione da escludere. La roseaoggi in edicola svela anche un retroscena sul bosniaco: nei giorni scorsi il DS giallorosso Petrachi ha provato a sondare il terreno con il giocatore sull’ipotesi di un rinnovo del contratto in scadenza nel 2020, ricevendo in cambio un deciso rifiuto.

Si avvicina il rinnovo di Zaniolo: lunedì previsto un incontro con l’agente del giocatore

La storia tra la Roma e Zaniolo potrebbe continuare, dopo un’estate turbolenta per il classe ’99 ex Inter. Infatti, secondo quanto scrive Il Corriere dello Sport oggi in edicola, il 5 agosto l’agente del giocatore dovrebbe incontrare Petrachi per trattare: l’entourage del giovane chiede di rispettare i termini dell’accordo preso con Monchi, ossia 1.8/2 milioni l’anno. La sensazione è che il compromesso si troverà per un cifra che si aggira sul milione e mezzo a stagione. Rispedite al mittente le offerte da parte del Tottenham e della Juventus.

Ufficiale l’amichevole con il Real Madrid l’11 agosto all’Olimpico: info biglietti

Ieri l’annuncio del Real Madrid, oggi quello della Roma: è ufficiale l’amichevole dell’11 agosto all’Olimpico contro le merengues. Ecco il comunicato ufficiale della Roma sul proprio sito:

Roma e Real Madrid si affronteranno nella Mabel Green Cup, l’11 agosto, allo Stadio Olimpico di Roma, in un incontro organizzato per dar voce al tema della sostenibilità ambientale.

Per la Roma sarà la nona uscita stagionale dopo le cinque gare di allenamento già svolte a Trigoria e le tre amichevoli che disputerà nei prossimi giorni contro Perugia, Lille e Athletic Bilbao. Per il Real Madrid sarà invece l’ultima gara del pre campionato prima di fare l’esordio ufficiale nella Liga 2019-20 il 17 agosto contro il Celta Vigo. 

“Questo accordo ci consente di dare voce, attraverso il calcio, a una delle cause che più ci interessano, la sostenibilità del pianeta”, ha affermato Manuel Campos Guallar, CEO di MABEL CAPITAL. “È un onore avere avuto la fiducia di due prestigiosi club come Real Madrid e AS Roma che hanno accettato di partecipare a questa prima edizione. Speriamo che le persone possano godere di un grande spettacolo diventando allo stesso tempo più consapevoli dell’importanza del tema della protezione del nostro pianeta”.

I biglietti della gara saranno in vendita dalle ore 11: clicca qui per avere le informazioni sui prezzi e le modalità di acquisto.

Juan Jesus: “Spero di rimanere a Roma altri 10 anni. Sono arrivati giocatori con la giusta voglia. Se seguiamo Fonseca sarà difficile per le altre squadre coglierci di sorpresa”

Juan Jesus, difensore della Roma, è intervenuto ai microfoni di Roma Radio. Ecco le sue parole: “Allenarsi alle 9:30? Per me è già troppo tardi, perché di solito mi sveglio alle 7, ogni tanto devo portare mio figlio all’asilo, poi vengo subito a Trigoria. 4 anni alla Roma? Spero di farne altri 10. Sono venuto qua per fare grandi cose. Ho ancora tanto da fare e da imparare. Il gruppo? È un gruppo nuovo, abbiamo cambiato tanto, quelli che sono arrivati sono arrivati con la voglia giusta. Il mister ci sta offrendo il suo meglio, a partire dalla tattica. Credo che il suo gioca si possa notare anche dopo pochi giorni di allenamento. Tanta positività? Siamo un gruppo giovane, ci sono tanti ragazzi che vogliono imparare, per questo è un gruppo sereno. Possiamo lavorare bene solo se siamo sereni. La preparazione è cambiata rispetto ad anni fa? Sì ma è comunque tosta, gli allenamenti sono molto intensi. A noi piace così, questo duro lavoro ci aiuterà tantissimo. Anche con il pallone si corre. Chi mi ha colpito? Tutti i ragazzi lavorano bene, posso fare l’esempio di Cristante, si impegna sempre tantissimo, oppure il nuovo arrivato Diawara, che ha una qualità tecnica incredibile. Questi sono giocatori che possono aiutare la Roma. Perotti, Fazio, Mancini, potrei dirli tuttiFonseca? È molto sereno e molto serio, sa quello che deve fare. Dobbiamo seguirlo in ogni minima cosa, se giochiamo come vuole sarà difficile per altre squadre prenderci di sorpresa. Il gruppo sta andando dietro di lui. Il pressing alto? Ci può aiutare nel corso della partita, ma non possiamo farlo tutta la partita, non siamo macchine. Se stai corto riesci ad arrivare prima sul pallone anche se sbagli un passaggio. Il calendario? Credo che abbiamo buone possibilità di fare bene. Le partite vanno ovviamente giocate una per volta, ma ce ne sono alcune che possiamo vincere di seguito. Il derby alla seconda ci sta, è bello, così siamo subito pronti ad affrontarlo. Le partite importanti? Tutte sono importanti, in particolare contro la Juventus, a San Siro con Milan e Inter, contro il Napoli”.

Stadio – Si dimette il cda di Eurnova

Continuano le frenate per quanto riguarda l’infinita vicenda stadio. James Pallotta ora si ritrova a dover gestire l’ira del cda di Eurnova, la società incaricata di costruire l’impianto che dovrebbe ospitare gli incontri casalinghi della squadra giallorossa, poiché venerdì, come riporta La Repubblica, i vertici della società che ha cambiato management dopo l’arresto di Luca Parnasi (e guidata fino a tre giorni fa dall’ad Giovanni Naccarato) si sono dimessi in blocco. Una decisione presa visto il lungo tentennare di Pallotta nel chiudere il contratto da 100 milioni per la cessione dei terreni di Tor di Valle che prevedeva un acconto da 10 milioni da pagare a Eurnova. Una mossa, soprattutto, per mettere alle strette il patron della Roma che sa bene che in assenza di Eurnova lo stadio non si fa.

Fumata grigia per Dzeko all’Inter: c’è prima bisogno del sostituto. L’inserimento dei bonus potrebbe sbloccare la trattativa

La trattativa Dzeko-Inter sembra destinata a non concludersi a breve. I nerazzurri hanno rilanciato con un’offerta di 15 milioni ma, come riporta Il Messaggero, la Roma non li ritiene abbastanza. Il problema, ad oggi, oltre alla valutazione è latempistica. Non avendo in mano il possibile sostituto, Petrachi frena. Tra l’altro Fonseca sta apprezzando il modo in cui il centravanti si è messo a disposizione e sta lavorando come se Edin dovesse restare.

Diverso il discorso per La Gazzetta dello Sport: dopo il rilancio dell’Inter, secondo la rosea, la trattativa si è sbloccata, e importanti sono stati anche i contatti in lega tra Marotta e Baldissoni nella giornata di ieri. Fondamentale sarà l’inserimento nella trattativa dei bonus.

Secondo quanto riportato da Il Tempo oggi in edicola, invece, c’è stato un netto rifiuto della Roma verso l’offerta dell’Inter, rispedita subito al mittente. I giallorossi restano fermi sulla richiesta di 20 milioni e, vista la difficoltà nel trovare un attaccante di alto livello sul mercato (Higuain sembra volersi giocare le sue chances a Totrino), il piano B potrebbe consistere proprio nella permanenza di Dzeko.

10 curiosità sul calendario della Roma

È stato presentato il calendario della Serie A 2019/2020: ecco 10 curiosità sulle varie sfide che affronterà la Roma in questo campionato.

– La Roma ha sfidato il Genoa nella prima giornata altre sei volte nella storia della Serie A. È accaduto in casa nelle stagioni 1953/1954 (4-0) e 1959/1960 (1-0) e in trasferta nelle stagioni 1956/1957 (1-1), 1976/1977 (2-2), 1993/1994 (2-0 per il Grifone) e 2009/2010 (3-2 per il Grifone)

2 – Quello del week-end del 1° settembre sarà il derby più precoce di sempre in Serie A. Il precedente è di oltre 70 anni fa: stagione 1946/1947, quando la stracittadina fu fissata per la terza giornata. 3-0 per la Roma in casa giallorossa, 0-0 nel ritorno fuori casa.

– Già due volte la Roma ha sfidato il Milan il 27 ottobre: nel 1929 (sconfitta esterna per 3-1) e nel 1974 (sconfitta interna per 2-1). Giocandosi il match dopo un turno di Europa League, è possibile uno spostamento a lunedì 28 ottobre: c’è un precedente anche in quella data, una vittoria per 1-0 nel 2007 a San Siro con gol di Mirko Vucinic.

4 – La sfida alla trentaquattresima giornata contro l’Inter è la più tarda in calendario dal 1947/1948, quando una partita che i nerazzurri vinsero per 3-2 in casa chiuse un campionato a 30 squadre, figurando quindi come turno numero 38. Un altro Roma-Inter alla giornata numero 34 accadde nella stagione 1995/1996, ultima gara di una lega a 18 squadre.

5 – Brescia ed Hellas Verona, due neopromosse in fila tra la tredicesima e la quattordicesima giornata: l’ultima volta accadde due stagioni fa, quando i giallorossi affrontarono consecutivamente gli scaligeri e il Benevento, ottenendo dodici punti su dodici.

6 – Tra la diciottesima e la trentaquattresima giornata la Roma giocherà 10 volte in casa e 7 fuori, una possibile spinta in un momento caldo della stagione.

7 – Si interrompe una striscia di tre campionati consecutivi in cui l’ultimo avversario prima di Natale era stato la Juventus: stavolta a incontrare i giallorossi a ridosso delle festività sarà la Fiorentina. L’avversario precedente a questa striscia era stato invece il Genoa, battuto per 2-0 allo Stadio Olimpico.

8 – Dopo due stagioni, la Roma torna a giocare in casa nel sabato di Pasqua: era il 2017 quando l’Atalanta prese un punto all’Olimpico pareggiando per 1-1. Pareggi anche nei due sabati di Pasqua successivi, sempre per 1-1, in trasferta sui campi di Bologna e Inter: per ritrovare una vittoria bisogna tornare all’aprile del 2015, 1-0 sul Napoli allo Stadio Olimpico.

9 – C’è un precedente di doppia trasferta consecutiva a Torino contro i granata e la Juventus, come accadrà nelle ultime due giornate della stagione. Campionato 1930/1931: il 21 ottobre 1930 la Roma batté il Torino per 4-1, per poi perdere 5 giorni dopo in casa dei bianconeri per 3-2.

10 – Per la terza volta, la Roma chiuderà il campionato contro la Juventus. Era già successo nelle stagioni 1957/1958 (Juventus-Roma 3-0) e 1972/1973 (Roma-Juventus 1-2)

1 2 3 15