Florenzi dice no a Juventus e Inter, ma è fumata grigia per il rinnovo

Partiamo dalla volontà del calciatore. Alessandro Florenzi, come riporta Il Romanista, ha detto no a un contratto di 20 milioni complessivi propostogli dalla Juventus e detto no all’offerta dell’Inter. Il calciatore ha la Roma come sua priorità. Detto questo, ieri c’è stato l’incontro tra Monchi e il procuratore di Florenzi, conclusosi con una fumata grigia: rilancio giallorosso, richieste ancora troppo alte. Ci sarà un nuovo incontro tra le parti. Sky Sport 24 aggiunge che la Roma ha proposto un contratto di 3 milioni più bonus. Il giocatore ha ricevuto proposte più vantaggiose ma vuole rimanere nella Capitale.

Feliziani: “Rinnovate già 17.000 tessere, molte di più rispetto all’anno scorso”

Carlo Feliziani, responsabile ticketing della Roma, ha parlato alla radio ufficiale della campagna abbonamenti:

“Al momento abbiamo rinnovato quasi 17.000 tessere, molte di più dello scorso anno a questo punto. Siamo ancora in fase di prelazione, fino a domenica si può rinnovare ed è possibile anche il cambio posto. Come tutti gli anni, c’è questa settimana per effettuare il cambio posto per chi volesse, questo sarà possibile fino a domenica. Dal 2 luglio si parte con la vendita libera”.

Pastore: “Avevo bisogno di fiducia, l’arrivo alla Roma è importante. Voglio provare a vincere qui”

Il fantasista giallorosso Javier Pastore è stato intervistato da Roma TV:

“Ho scelto il numero 27 perché è il numero preferito di mia madre e mi ha portato molta fortuna nel calcio, sono contento di averlo preso. Con il Paris Saint-Germain ho vinto ben 19 trofei, per me il trofeo più importante vinto è stata la Ligue 1, me li sono gustati di più. Cosa serve per vincere? Dobbiamo essere umili, rispettare i compagni ed essere tutti al 100% per arrivare in fondo al campionato. Mi piace fare gli assist, è quasi meglio di fare gol. Penso sempre che in una squadra serva un attaccante che faccia tanti gol e un giocatore che gli permetta di segnare. Qualche gol bello l’ho fatto, uno dei miei preferiti è stato quello contro il Bologna con il Palermo, ho calciato di prima con il destro da fuori area, uno dei miei migliori gol. Le mie squadre? Sono legato a tutte, al PSG, al Palermo, anche al Talleres (la mia squadra del cuore) e l’Huracan. L’arrivo alla Roma è importante perché avevo bisogno di fiducia in una grande squadra come la Roma, è una squadra che vuole vincere, si sta preparando per crescere, a me piace provare a vincere qua”.

Inter, Nainggolan: “Con la Roma poteva finire diversamente. Contento di ritrovare Spalletti”

Radja Nainggolan è stato presentato come nuovo giocatore dell’Inter ed è tornato a parlare anche della sua esperienza con la Roma. Ecco alcune delle sue parole:

Cosa è successo con la Roma negli ultimi mesi?
“Non voglio parlare del passato, ora penso al presente. Con la Roma poteva finire diversamente ma ora sono felice di stare qua e voglio dimostrare sul campo”.

Sei già stato vicino all’Inter in passato?
“Sono stato contattato ma non c’erano le condizioni da parte delle società. Sono felice di ritrovare Spalletti”.

Dzeko e Icardi attaccanti simili?
“Icardi è piu un uomo d’area, Dzeko lavora di più per la squadra. Con Edin mi sono trovato benissimo spero che sarà lo stesso con Mauro”.

Differenze tra Di Francesco e Spalletti riguardo il tuo ruolo?
“Con Spalletti sono più portato ad attaccare l’area di rigore, con Di Francesco ho giocato un po’ più dietro. Ma queste sono solo statistiche, credo di aver fatto bene nella passata stagione anche se non al livello di quella fatta con Spalletti”.

Peres vuole tornare in Brasile: addio Torino, pista Flamengo

Il trasferimento di Bruno Peres al Torino sta per saltare in maniera definitiva. L’agente del giocatore era riuscito a strappare a Cairo un contratto simile a quello di Belotti, ma il terzino ha deciso di rifiutare perché vuole accettare solo proposte dal Brasile, accontentando così la richiesta della moglie. Un’opportunità a tal proposito, riporta Il Messaggero, potrebbe essere il Flamengo, ma con cifre più basse rispetto a quelle che avrebbero garantito i granata.

Asta per Forsberg

Per rinforzare il reparto offensivo, Monchi sta seguendo lo svedese Forsberg del Lipsia. Il giocatore piace molto per la sua duttilità tattica, essendo nato trequartista ma che può giocare su entrambe le corsie d’attacco. La richiesta iniziale del Lipsia è di 40 milioni di euro e sul giocatore potrebbe scatenarsi una vera e propria asta. Infatti, come ricordato da Il Romanista, la punta è seguita anche da Arsenal e Atletico Madrid.

Ziyech-Roma: la situazione

Ziyech resta nel mirino della Roma. Con il giocatore marocchino è stato trovato l’accordo da tempo, ma l’Ajax non è disposta a concedere sconti. Il club di Amsterdam vuole una cifra poco inferiore ai 40 milioni di euro, ma sarebbe anche pronta a calare leggermente le pretese ma con bonus di gran lunga superiori a quelli preventivati a Trigoria. L’ultima offerta della Roma, riporta Il Romanista, è di una parte fissa tra i 22 e i 25 milioni di euro e una variabile tra i 5 e i 7.

Stadio – Parnasi rompe il silenzio e risponde ai pm

Dopo due settimane in carcere, durante l’interrogatorio di garanzia, Luca Parnasi aveva preferito avvalersi della facoltà di non rispondere. Secondo La Repubblica, invece, nelle ultime ore, il costruttore ha cambiato linea difensiva e ha deciso di parlare attraverso i suoi legali Emilio Ricci e Giorgio Tamburrino. Gli episodi che gli inquirenti contestano sono moltissimi e, tra gli indagati dell’inchiesta accusati di aver ricevuto utilità da Parnasi, ci sono molti nomi illustri: Luca Lanzalone, Michele Civita, Adriano Palozzi. Ma non solo. Infatti, Parnasi e i suoi collaboratori avevano contatti con la politica a ogni livello, agli atti risultano anche finanziamenti a una fondazione riconducibile alla Lega. D’altronde era lui stesso a dire: «Pago tutti».

Via due tra Defrel, El Shaarawy e Perotti

Dopo il nono acquisto che porta il nome di William Bianda, è tempo di sfoltire la rosa in casa Roma. Senza contare i giovani Antonucci e Capradossi, ci sarebbero ben 29 potenziali titolari (2 portieri, 11 difensori, 9 centrocampisti, 7 attaccanti). Tra gli indiziati a lasciare la Capitale ci sarebbero Defrel (Atalanta su di lui), El Shaarawy e Perotti. Il ds, riporta Il Corriere della Sera, è al lavoro per piazzarne almeno due prima di tentare l’affondo per ZIyech e Berard

Miccoli: “Pastore è un grande acquisto, crea superiorità. Rende meglio come trequartista”

L’ex attaccante rosanero ha parlato del nuovo acquisto della Roma a RMC Sport: “Sono contento che sia tornato, ha colpi, classe ed eleganza”

Fabrizio Miccoli è stato intervistato nel corso della trasmissione “Maracanà” di RMC Sport e, nel corso della telefonata in diretta, ha parlato del suo ex compagno di squadra al Palermo Javier Pastore, nuovo acquisto della Roma. “Sono contento che sia tornato, ha colpi, classe ed eleganza. La Roma ha fatto un grande acquisto: non fa tantissimi gol ma ti fa giocare bene perché salta sempre l’uomo e crea superiorità. Può fare l’intermedio? Sì ma rende meglio da trequartista, ha l’ultimo passaggio nel dna”.

L’ex attaccante rosanero ha poi risposto ad altre domande sul calcio italiano. Sul centrocampista Milinkovic-Savic, ha detto: “100 milioni? È un’esagerazione. È sì un buon giocatore, uno dei migliori in Italia, ma non può valere così tanto un centrocampista. Soltanto Messi, Ronaldo e Neymar possono valere più di 100 milioni”. Sul mercato della Juve: “La Juventus per una cifra importante potrebbe anche cedere Pjanic, a patto che poi compri un altro regista basso con le caratteristiche giuste per costruire il gioco”. Infine, una battuta sui playoff di Serie B che hanno visto il Frosinone imporsi sul Palermo: “Il Frosinone ha meritato la promozione, nonostante contro il Palermo non abbia avuto un atteggiamento molto leale. Spero che i rossoneri possano tornare il prima possibile in Serie A”.

1 2 3 23