Paura al Colosseo: ultras della Roma assaltano tifosi del Chelsea

Assalto ultras in un pub del Colosseo dove questa notte alcuni tifosi del Chelsea sono stati aggrediti e picchiati da un gruppo di ultrà della Roma. Come riporta Roma Today, è accaduto intorno alla mezzanotte allo Shamrock di via del Colosseo. Un vero e proprio raid con gli ultras giallorossi entrati nel locale con i volti travisati ed i cappucci. Armati di bastone, hanno aggredito e ferito alcuni tifosi inglesi che si trovavano nel locale del Centro Storico.

Alcuni tifosi del Chelsea sono rimasti feriti, nessuno in modo grave. Gli ultrà coinvolti sono poi fuggiti rapidamente. Danneggiato anche lo Shamrock. Allertate le forze dell’ordine: sul posto oltre alle volanti della Questura anche il reparto mobile. Gli agenti hanno cominciato da subito la ricerca degli assalitori. Le indagini sono state affidate alla Digos. Al vaglio le immagini di videosorveglianza dell’area dove è avvenuto l’assalto, che ha ricordato quello del 2012 ad opera degli ultrà laziali nei confronti dei tifosi del Tottenham.

Come riporta l’Ansa, la Polizia di Stato di Roma ha fermato due persone appartenenti al gruppo “Fedayn“, che stanotte avrebbero preso parte all’aggressione da parte di una frangia di tifosi giallorossi contro alcuni tifosi inglesi all’interno di un pub in via del Colosseo.

Fiorentina, lesione per Laurini: salta la Roma. A rischio Thereau e Saponara

La Fiorentina perde pezzi. Domenica alle 15 i viola ospiteranno la Roma al Franchi e dovranno fare sicuramente a meno di Vincent Laurini: il calciatore, sostituito nel corso della partita col Crotone, ha effettuato esami strumentali che hanno evidenziato una lesione di primo grado al bicipite femorale della coscia destra.

Anche Riccardo Saponara, insieme a Cyril Thereau, è in forte dubbio per la partita contro la Roma. I due giocatori non si sono allenati in gruppo durante l’allenamento di ieri, ma hanno svolto un lavoro individuale. Secondo quanto riporta “La Gazzetta dello Sport”, l’attaccante e il centrocampista potrebbero tornare a disposizione di Pioli dopo la sosta delle nazionali, per la partita contro la Spal del 19 novembre.

Centro storico e Olimpico: ecco il piano anti hooligan

                                                                     Oggi circa 200 ultrà del Chelsea, in parte vicini agli storici «Headhunters», protagonisti di almeno 30 episodi di violenza a margine di partite dei «Blues» allo Stamford Bridge e all’estero, sbarcheranno a Roma, mischiati con duemila tifosi londinesi. Ecco perché ieri mattina in Questura c’erano anche i rappresentanti della “Metropolitan Police” e dell’ambasciata britannica per mettere a punto con la polizia il piano di sicurezza per la partita di Champions League di stasera all’Olimpico contro la Roma (ore 20.45), come scrive Frignani sul Corriere della Sera.

Saranno oltre ai circa 1.500 uomini delle forze dell’ordine ci saranno anche i vigili urbani a controllare i locali pubblici specialmente del centro storico, affinché diano subito l’allarme in caso di intemperanze e tafferugli.

 

Roma, record di infortuni. Di Francesco: “Non credo alla casualità”

                                                                          Io non credo assolutamente nella casualità, anche se in qualche situazione lo è”. Sarebbe bello poter parlare solo di Champions e di Chelsea, scrive Luca Valdiserri sul Corriere della Sera. Il discorso di Eusebio Di Francesco, alla vigilia, ha invece un passaggio obbligato: quello degli infortuni. Dopo lo choc di Karsdorp (rottura del legamento crociato alla prima presenza in campo) l’emergenza resta alta. Bruno Peres non è stato nemmeno convocato: lesione di primo grado alla coscia destra, si spera di recuperarlo dopo la sosta per le nazionali (ci sono Roma-Lazio il 18 novembre e Atletico Madrid-Roma il 22). Per il terzino brasiliano è il secondo k.o. muscolare in stagione, per la Roma è il tredicesimo.

Nainggolan ringhia: “I gol arriveranno. Adesso battiamoli e poi voliamo”

                                                        Radja Nainggolan si esercita con prudenza sia sulle previsioni per l’attuale stagione, sia sulla «normalità» a cui il nuovo ruolo lo avrebbe costretto. “Adesso faccio più lavoro sporco – dice – impegnandomi di più in fase difensiva. Visto i complimenti che arrivano su questo fronte, è segno che allora sto facendo bene. I gol arriveranno, non ho questa smania. Certo, possiamo fare meglio che vincere 1-0; se hai solo un gol di vantaggio potresti anche pagarlo prima o poi, ma se ho la certezza di vincere me ne prendo anche trenta di risultati così. Sappiamo di avere grandi margini di crescita, ma in questo momento, però, l’importante è avere consapevolezza di ciò che stiamo facendo“.

Trigoria, rifinitura in vista del Chelsea. Manolas in gruppo

                                                                    La Roma non ha tempo da perdere: dopo la vittoria di sabato sera contro il Bologna, i giallorossi sono al lavoro a Trigoria per preparare il big match diChampions League contro il Chelsea, in programma martedì 31 ottobre alle 20.45 allo stadio Olimpico. Oggi allenamento di rifinitura per la squadra di Di FrancescoManolas è tornato in gruppo da ieri, da monitorare le sue condizioni e quelle di Defrel. Out Peres e Schick.

Primavera, De Rossi: “Venerdì un cedimento mentale. Con il Chelsea per voltare pagina”

                                                                        La sconfitta con l’Atalanta per 7-1 è stata pesantissima, ma per la Roma Primavera martedì contro il Chelsea in Youth League arriva già l’occasione del riscatto. Alla vigilia della sfida con i Blues, il tecnico Alberto De Rossi ha rilasciato alcune dichiarazioni a Roma TV“Non c’è da reagire, solamente da tornare alla normalità. Il percorso fatto fino adesso è stato soddisfacente, positivo, c’è stata la ciliegina di Londra. Dobbiamo ritornare a quello che abbiamo sempre fatto prima di venerdì scorso. La partita di Londra? Ormai abbiamo un po’ di esperienza, mi riferisco alle stagioni degli ultimi anni con tanti impegni. Con l’Atalanta c’è stato un cedimento mentale, sono ragazzi giovani che iniziano a giocare a luglio, con tante partite. È stato chiaramente un cedimento mentale, anche da parte di chi era stata la colonna portante di quello che stiamo facendo e di chi non abbiamo potuto sostituire. Siamo molto tranquilli, torneranno alla normalità in breve tempo. Tranquilli sì, della capacità, della forza, ma molto rammaricati per quello che è successo. Partita giusta per ripartire? Abbiamo una fortuna, che dopo un evento molto negativo come la partita con l’Atalanta, ce n’è subito un altro, non passa neanche molto. Siamo contenti di giocare martedì e non mercoledì per voltare pagina. Non per dimenticare, ma per riprendere il nostro cammino molto positivo“.

Germania, vergogna anche a Dusseldorf: adesivi di Anna Frank con la maglia dello Schalke 04

                                                                           A una settimana dagli adesivi di Anna Frank con la maglia della Romaattaccanti in curva Sud dagli ultras della Lazio la follia antisemita va oltre i confini italiani. Sui muri della città di Duesseldorf, come documentato dal portale Ruhrbarone.de, sono spuntati altri adesivi della ragazza olandese, morta nel 1945 nel campo di concentramento di Bergen Belsen, con la maglia dello Schalke 04. La polizia tedesca sta indagando per risalire ai responsabili.

Nainggolan: “Mai pensato al Chelsea”

Ecco le parole di Nainggolan in conferenza stampa:

Avete già dimostrato continuità. Una vittoria domani sarebbe consacrazione?
Se domani vinci facciamo un bel passo per la qualificazione. Stiamo facendo bene, i risultati sono positivi, ma possiamo fare meglio. Vincere sempre 1-0 potresti anche pagarlo prima o poi. Serve consapevolezza di quello che stiamo facendo. Difensivamente stiamo facendo bene, offensivamente possiamo fare meglio.

A livello mentale, può essere più difficile preparare questa partita che quella dell’andata?
Non lo so, ma sappiamo che loro possono recuperare altri giocatori. Anche loro hanno fatto risultati positivi nelle ultime partite. Bisogna rispettare l’avversario essendo consapevoli dei nostri mezzi. Si parla sempre di una grande squadra, bisogna stare attenti. Ce la dobbiamo giocare. Siamo in casa, ci sarà lo stadio pieno. Ci saranno tutti i fattori per poter far bene.

Conte ti stima molto, avresti potuto giocare questa partita con la maglia del Chelsea. Per te è più stimolante giocare con la Roma, che non è la favorita?
Sia il Chelsea o un’altra squadra, la mia scelta l’avevo fatta. Non avevo pensato a stare da un’altra parte. È una domanda che non ha neanche senso. È semplice. Che sia il Chelsea o altre grandi squadre, è sempre bello giocare queste partite. Sono pronto e spero di fare questa partita.

Sei arrivato a gennaio 2014. Da quando sei qui, la Roma non era mai partita così bene. Questa Roma ti farà vincere o aspetti a sbilanciarti?
Negli anni passati si è sempre parlato di Roma da scudetto, ora non diciamo niente.

Hai la percezione di far parte di un progetto di grande squadra? Roma più forte in cui hai giocato?
Ogni anno abbiamo avuto una squadra forte. Il campionato quest’anno diverso, si sono rafforzate tante squadre, c’è più equilibrio. La mia impressione è che in qualsiasi squadra con cui ho giocato nella Roma, siamo stati sempre competitivi. Sicuramente abbiamo sbagliato qualche partita di troppo. Vedremo alla fine, sono sempre i risultati che parlano. Vedremo dove possiamo arrivare.

Quando un giocatore sta bene, al di là della necessità di far giocare anche gli altri, saltare una partita ti toglie qualcosa dal punto di vista del ritmo o fa bene perché riposi?
Ogni giocatore vorrebbe giocare tutte le partite, penso sia normale altrimenti non faresti il calciatore. Per arrivare agli obiettivi è anche giusto riposarsi ogni tanto perché in quel momento magari altri possono star meglio. In questo momento stiamo ruotando un po’ e i risultati ci sono, credo faccia soltanto bene alla squadra.

1 2 3 26