Curva Sud: “Cambia il luogo della raccolta per l’emergenza terremoto”

bis

Gli Ultras della Roma, tramite un comunicato, rendono noto che la raccolta di oggetti in favore delle persone colpite dal terremoto non si svolgerà allo Stadio Olimpico. Questo il testo del comunicato:

“Dopo le ultime modifiche alla viabilità effettuate intorno allo Stadio Olimpico e le problematiche per assurdi permessi, richieste di nominativi e documenti pretesi dalla che seppur “plausibili” in base alle norme vigenti ma assolutamente fuori luogo visto lo scopo della giornata, ci troviamo costretti a cambiare il luogo della raccolta. Di certo non si è voluto agevolare l’evento e come al solito il buon senso non è di casa in quelle parti. Per tali motivi dunque citroverete in Via g. BONA s.n.c. nei pressi del centro sportivo “Tiburtina Valley Sporting Club” a partire da sabato 3 settembre dalle ore 14.00 alle ore 21.00 tutti i giorni fino a sabato 10 settembre nella stessa fascia oraria. Ecco la lista del materiale aggiornato: materiale scolastico (quaderni, penne, astucci ecc), giochi per bambini, vestiti per l’inverno, stufe e coperte, pannolini e pannoloni, medicinali generici, materiale alimentare per cani e gatti, materiale per le pulizie generiche (sapone, scope, mocio ecc). Siamo certi che la raccolta continuerà ad avere successo, facciamo la nostra parte, l’emergenza non è finita. Gli Ultras della Roma”.

Mercato Roma, saltata la trattativa Wilshere. L’Arsenal rifiuta la proposta dei giallorossi

bis

Wilshere non  diventerà un giocatore della Roma. Come riferisce l’emittente televisiva, il centrocampista inglese ha deciso di non trasferisi in Italia a causa di motivi familiari e probabilmente resterà in Inghilterra. In questo momento per il centrocampo giallorosso tornano in pole position i nomi di Belhanda e Grenier.

(sky sport)


Secondo quanto riferito da  David Ornstein,giornalista della BBC, la trattativa tra Roma e per Wilshere è saltata per volontà del club inglese, non soddisfatto dalla proposta dei giallorossi. In questo momento ilBournemouth sembra la squadra più vicina al centrocampista dei Gunners.

 

Instagram, Capradossi: “Inizia una nuova avventura al Bari! Arrivederci Roma…”

bisIl capitano della Roma Primavera ha utilizzato il proprio account ufficiale per annunciare di fatto il proprio approdo in prestito al Bari in Serie B. Il campione d’Italia Primavera ha per l’appunto postato una foto con il trofeo conquistato pochi mesi fa nella Final Eight di Reggio Emilia, con un messaggio di arrivederci al club giallorosso:“Inizia una nuova avventura al Bari! Arrivederci Roma…”

Mercato Roma, in corso le visite mediche di Sadiq con il Bologna

POISSY, FRANCE - MARCH 09:  Alec Georgen of PSG battles is beaten to the ball by Sadiq Umar of Roma during the UEFA Youth League Quarter-final match between Paris Saint Germain and AS Roma at Stade Georges-Lefevre on March 9, 2016 in Poissy, France.  (Photo by Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Come riportato dall’emittente satellitare, il baby della Roma Umar starebbe svolgendo le visite mediche di rito che lo porteranno a diventare un nuovo attaccante del . Il campione d’Italia Primavera si trasferirà in prestito alla corte di Donadoni dopo la medaglia di bronzo ottenuta alle Olimpiadi con la nazionale nigeriana.

(sky sport)

Gioca al CASINÒ ONLINE!
Sempre più italiani scelgono di giocare al casinò in diretta da casa con Hitstars.it

Stadio Roma, Smeriglio (vice pres. Regione Lazio): “Stiamo lavorando congiuntamente con il Comune”

bis

Sullo stiamo lavorando congiuntamente. Penso che le polemiche non servono a nessuno“. Lo ha affermato il vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio, al termine dell’incontro in Campidoglio con il vicesindaco Daniele Frongia. “Immagino che nelle prossime ore chiederemo insieme ai due assessori all’Urbanistica di vedersi e stabilire insieme un percorso che possa affrontare il tema dello stadio in base alla delibera di pubblica utilità votata dal Consiglio comunale e alla verifica delle prescrizioni presenti nella stessa delibera“, ha aggiunto Smeriglio ribadendo che “l‘incontro è andato bene perché stabilisce un metodo: due istituzioni che lavorano al meglio per il futuro di Roma“.

(ansa)

Mercato Roma, trattativa avanzata con il Nizza per il prestito di Vainqueur

William Vainqueur of AS Roma in action during an AS Roma Trainig Session at Centro Sportivo Fulvio Bernardini on August 11, 2016 in Rome, Italy. at Centro Sportivo Fulvio Bernardini on August 11, 2016 in Rome, Italy.

Si cerca ancora una sistemazione per . Dopo aver rifiutato diverse destinazioni il centrocampista in uscita dalla Roma è vicino ad approdare in Ligue 1. Come riporta il portale del quotidiano romano infatti c’è una trattativa avanzata tra ed il Nizza sulla formula del prestito. Sul giocatore è ancora forte l’interesse del Malaga e di alcuni club di Premier League.

(ilmessaggero.it)

Mercato Roma, saltato Iturbe il Lione ci prova per Ricci. Ma c’è già l’accordo con il Sassuolo

ST LOUIS, MO - AUGUST 01:  Federico Ricci of AS Roma and Luis Alberto of Liverpool FC compete for the ball during the pre-season friendly match between AS Roma and Liverpool FC  at Busch Stadium on August 1, 2016 in St Louis, Missouri.  (Photo by Luciano Rossi/AS Roma via Getty Images)

L’ultimo contatto avvenuto nella notte tra ilLione e la Roma per non ha portato alla fumata bianca dopo la proposta diprestito oneroso con diritto di riscatto. Così, come riporta il sito dell’esperto di calciomercato, il Lione ha chiesto Federico Ricci ai giallorossi, con il classe 1994 che però è d’accordo con, più avanti nella trattativa.

(gianlucadimarzio.com)

TOTTI: “Roma è casa mia, per me è tutto. La famiglia è stata importantissima nella scelta di rimanere qui a vita. Quando smetterò mi mancheranno le piccole cose”

ST LOUIS, MO - AUGUST 01:  AS Roma captain Francesco Totti during the pre-season friendly match between AS Roma and Liverpool FC  at Busch Stadium on August 1, 2016 in St Louis, Missouri.  (Photo by Luciano Rossi/AS Roma via Getty Images)

THEPLAYERSTRIBUNE.COM – Il capitano e simbolo della Roma ha raccontato di suo pugno al sito sportivo le origini della sua carriera calcistica che lo hanno poi portato a diventare il simbolo della squadra romanista. Questo il dettagliato racconto del numero 10 giallorosso.

“Ventisette anni fa, bussarono alla porta del nostro appartamento a Roma. Mia madre, Fiorella, andò a rispondere. Dall’altra parte c’era chi avrebbe definito per sempre la mia carriera calcistica.
Quando ha aperto la porta, un gruppo di uomini si presentarono come direttori di calcio.
Ma non erano della Roma. Vestivano in rosso e nero.
Erano del Milan. E mi volevano per giocare con la loro squadra. Ad ogni costo.
Mia madre alzò le mani. Cosa pensate che abbia risposto a quei signori?

Quando sei un ragazzo a Roma, ci sono solo due scelte possibili: o sei rosso o blu. Roma o Lazio. Ma nella nostra famiglia, c’era solo una scelta possibile.
Io purtroppo non sono riuscito a conoscere mio nonno, perché è morto quando ero solo un ragazzino. Ma mi ha lasciato un grande dono. Fortunatamente per me, mio nonno Gianluca era un grande tifoso della Roma, e ha trasmesso l’amore a mio padre, che poi lo passò a me e mio fratello. Il nostro amore per la Roma è qualcosa che abbiamo portato avanti. Roma era più di una squadra di calcio. E’ stata parte della nostra famiglia, dell nostro sangue, delle nostre anime.
Non siamo riusciti a vedere troppe partite in televisione, perché anche a Roma non erano sempre mostrate negli anni ’80. Ma quando avevo sette anni, mio padre acquistò i biglietti e alla fine ho avuto modo di vedere I Lupi, i lupi, allo Stadio Olimpico.
Posso ancora chiudere gli occhi e ricordare la sensazione. I colori, i canti, i colori. Ero un bambino così vivace che il solo fatto di essere allo stadio con intorno a me tutti gli altri tifosi della Roma ha acceso qualcosa dentro di me. Non so come descrivere l’esperienza…

Bellissimo.
Questa è l’unica parola.

Al nostro quartiere, San Giovanni, credo che nessuno mi abbia mai visto senza un pallone da calcio tra le mani o ai miei piedi. Nelle strade di ciottoli, tra le cattedrali, nei vicoli, ovunque, giocavamo a calcio.
Fin da ragazzo, era più di un semplice amore per il calcio per me. Avevo già l’ambizione di intraprendere questa carriera. Ho iniziato a giocare per i club giovanili. Avevo poster e ritagli di giornale di Giannini, il capitano della Roma, sulla parete della mia camera da letto. Era un’icona, un simbolo. Era un ragazzo di Roma. Proprio come noi.

E poi, quando avevo 13 anni, hanno bussato alla nostra porta.
Gli uomini del Milan mi chiedevano di unirsi alla loro squadra di calcio. Un’occasione per approdare in un grande club italiano. Che cosa avrei dovuto scegliere?
Beh, non è stata una mia decisione, naturalmente.
La mia mamma era il capo. Comanda lei tuttora. E lei era piuttosto ‘attaccata’ ai suoi ragazzi, diciamo. Come ogni madre italiana, era un po’ iperprotettiva. Non voleva che me ne andassi da casa per il timore che sarebbe potuto accadere qualcosa.

‘No, no’, ha detto gli amministratori. Questo è tutto quello che aveva da dire. ‘Mi dispiace. No, no’.

E’ finita così. Il mio primo trasferimento è stata respinto dal capo.

Mio padre portava me e mio fratello alle partite durante il fine settimana. Ma dal Lunedì al Venerdì, comandava la mamma. E ‘stato difficile dire di no al Milan. Avrebbe significato un sacco di soldi per la nostra famiglia. Ma mia madre mi ha insegnato una lezione quel giorno. La tua casa è la cosa più importante nella vita.
Solo poche settimane più tardi, dopo essere stato notato in una delle mie partite giovanili, la Roma mi ha fatto un’offerta. Stavo per indossare il giallorosso.
Mamma lo sapeva. Ha aiutato la mia carriera in tanti modi. Sì, era protettiva – E lo è ancora! – Ma ha fatto tanti sacrifici per assicurarsi che andassi in campo ogni giorno. So che quei primi anni sono stati duri per lei.
Era mia madre che mi ha spinto a giocare. Aspettava due, tre, a volte quattro ore, mentre mi allenavo. Aspettava sotto la pioggia, al freddo, non le importava.
Aspettava, e così ho potuto raggiungere il mio sogno.


Non sapevo che avrei il mio debutto con la maglia della Roma allo Stadio Olimpico fino a 90 minuti prima della partita. Mi sono seduto sul bus dalla squadra ed ero molto eccitato per l’esordio nel nostro stadio. La tranquillità trovata durante il sonno della notte prima era scomparsa. I tifosi della Roma sono molto diversi da tutti gli altri. Ci sono sempre parecchie aspettative da chi indossa la maglia della Roma. Devi dimostrare il tuo valore, e non c’è molto margine di errore.
Quando sono entrato in campo per la prima partita, ero sopraffatto dall’orgoglio di giocare per la mia casa. Per mio nonno. Per la mia famiglia.


Per 25 anni la pressione – e l’onore – di giocare per questa maglia non è mai cambiata.
Naturalmente, ci sono stati errori. E c’era anche un momento di 12 anni fa, in cui ho pensato di lasciare la Roma per il . Quando una squadra di grande successo, forse la più forte del mondo, si chiede di unirti a sè, inizi a pensare a come la vita potrebbe essere come altrove. Ho avuto anche dei colloqui con il presidente della Roma che hanno fatto la differenza. Ma alla fine è stata decisiva la mia famiglia, che mi ha ricordato quella che è la mia vita.

La casa è tutto.

Per 39 anni, Roma è stata la mia casa. Per 25 anni come da calciatore, Roma è stata la mia casa. Se vincere la scudetto o giocare in , spero di aver rappresentato i colori di Roma nel miglior modo possibile. Spero di avervi resi orgogliosi.
Si potrebbe dire che sono un uomo che si trova nelle sue vie. Non ho nemmeno mai abbandonato la casa dei miei genitori fino a quando non ho sposato mia moglie, Ilary. Così, quando mi guardo indietro, penso che il mio tempo qui è quello che mi mancherà, come mi mancherà la routine, le cose di tutti i giorni: la formazione, le tante chiacchierate nello spogliatoio. Penso che quello che mi mancherà di più è la condivisione di un caffè con i miei compagni di squadra ogni giorno. Forse se un giorno tornerò come direttore, quei momenti saranno ancora lì.


La gente mi chiede: ‘Perché spendere tutta la vita a Roma?’

Roma è la mia famiglia, i miei amici, le persone che amo. Roma è il mare, le montagne, i monumenti. Roma, ovviamente, è romani.

Roma è il giallo e il rosso.

Roma, per me, è il mondo.

Questo club, questa città, è stata la mia vita.

Sempre.”

1 2 3 44