Dall’Inghilterra: Cole preso a pugni da una modella di Play Boy

COLE-4-ROMA-EMPOLI-Ashley Cole, secondo quanto riporta il The Sun, sarebbe stato protagonista di una brutta disavventura notturna. Coinvolta una ragazza di Playboy, Carla Howe, che ha dichiarato al noto quotidiano inglese di aver picchiato il terzino giallorosso dopo esser stata infastidita dallo stesso. Ecco le sue parole: “L’ho preso a pugni duri tre volte con la mano destra e indossavo anche un anello. Cole mi aveva seguita nella zona vip del locale (un nightclub). Cole gridava che gli avevo rotto il labbro e un mio amico mi ha detto che non riusciva a parlare. Se lo è meritato, pensa di poter trattare le donne come spazzatura, ho solo difeso me e mia sorella”

Al Jazira FC, Comunicato Ufficiale su Gervinho: “Rottura delle trattative per motivi tecnici e non legati a presunte richieste”

Al-Jazira-Club-Logo-EPS-vector-image-640x427

Come riporta poco fa una nota ufficiale apparsa sull’account ufficiale Twitter dell’Al Jazira FC, “in merito alle trattative con il giocatore della Roma Gervais Yao Kouassi “Gervinho”,l’Al Jazira FC ci tiene a specificare che le contrattazioni in essere con il calciatore ivoriano sono venute meno esclusivamente per motivi tecnici e non a causa delle esigenze o delle richieste del calciatore come riportato da alcune fonti di informazione on line”.

Queste uno stralcio della dichiarazione ufficiale del club arabo, che conferma dunque la “totale rottura dei rapporti con Gervinho”.

 

Gervinho : “Quello che raccontano è falso”

ROMA MANCHESTER CITY   2014/2015 All'Olimpico la Roma di Garcia affronta il MANCHESTER CITY  ultima partita del girone eliminatorio di Champions  2014/2015 DELUSIONE GERVINHO (fotoTedeschi)

Gervinho ha rilasciato a France Football alcune dichiarazioni in merito alla trattativa saltata con AL-Jazira.Queste le sue parole:

Elicotteri, spiagge, biglietti aerei? Non so da dove vengono certe informazioni sul mio conto. Non ho fatto alcuna richiesta del genere. Quando firmo un contratto, non sono interessato a queste cose. Tutto quello che è stato raccontato è falso

Mercato, su Destro piomba anche il West Ham. Contatti in corso tra il club inglese e la Roma

DV1940901_mediagallery-page

Su Destro  non solo il Monaco e la Fiorentina. Nelle ultime ore piomba anche il West Ham: tra la società inglese e la Roma sono già in corso i primi contatti, con la soluzione londinese che sarebbe gradita anche allo stesso calciatore. Una nuova possibilità per lui, che ora si trova a decidere tra il Monaco e la sorpresa West Ham. Destro riflette, le parti continuano a lavorare al suo destino.

Fonte: gianlucadimarzio.com

Calcioscommesse, Tavecchio: “Cacceremo i mercanti dal tempio. Conte? Il rinvio a giudizio non è una condanna”

BIG-Carlo-Tavecchio

Dobbiamo scacciare tutti i mercanti dal tempio. È la cosa più importante. Senza equivoci e problemi“. Così il presidente della Figc, Tavecchio, in conferenza congiunta con il procuratore federalePalazzi e il n.1 della Lega Serie B Abodi in relazione alle inchieste sugli illeciti nel calcio. “Il presidente della Figc – ha aggiunto Tavecchio – si avvarrà delle sue prerogative per velocizzare l’espletamento delle procedure processuali nel rispetto dei tempi del campionato“. Poi una battuta anche su Antonio Conte: “Il rinvio a giudizio non è una condanna. Ho parlato con lui e rispetterà il contratto“.

(ansa)

Uefa, finale di Champions League 2016/2017 al Millennium Stadium di Cardiff. Europa League a Solna

BIG-champions-league-logo2

Il Millennium Stadium di Cardiff è stato scelto per ospitare la finale di UEFA Champions League 2017.

Sarà la prima finale di Coppa dei Campioni in Galles, ma la seconda volta che un trofeo UEFA verrà consegnato nella capitale gallese, dopo la Supercoppa UEFA 2014 vinta dal Real Madrid CF contro il Sevilla FC (2-0).

La decisione è stata presa durante la riunione del Comitato Esecutivo UEFA a Praga.

La Uefa ha comunicato anche dove si giocherà la finale dell’edizione 2017 dell’Europa League. L’ultimo atto della competizione si disputerà nella Friends Arena di Solna, stadio da 50000 posti che ospita le partite della Nazionale svedese e dell’Aik.

(uefa.com)

30 giugno 1940 – L’ultima partita a Testaccio

BIG-italofoschi_acampotestaccio

LAROMA24.IT (Federico Baranello) – Nonostante l’Italia sia entrata in guerra il calcio è ancora considerato come uno svago necessario al popolo. In questo clima, il 30 Giugno del 1940, a campionato terminato la Roma affronta in amichevole il Livorno (2-1) per quella che sarà l’ultima partita nel leggendario “Campo Testaccio”. Lo stadio di proprietà è per la giovane AS Roma, appena fondata, un obiettivo primario, esattamente come ai giorni nostri.

Ubicato nel famoso quartiere Testaccio appunto, tra via Monte de’ Cocci e via Nicola Zabaglia, accanto la Piramide Cestia e al Cimitero Acattolico, viene edificato dall’estate del 1928 sino adOttobre del 1929 dalla ditta veneziana “Pasqualin & Vienna”. Ispirato ai modelli inglesi, in particolare a quello dell’Everton: tutto in legno, di forma rettangolare e interamente dipinto di “Giallorosso”. Ovviamente ha l’impianto d’illuminazione, altoparlanti e una capienza di 20.000 spettatori circa. Costo dell’opera 1.400.000 lire circa, una cifra importante per l’epoca. La Tribuna principale e’ coperta e di fronte una Tribuna denominata “Distinti”. Dietro le porte ci sono invece i “Popolari”. Il rettangolo di gioco in erba, tutt’altro che scontato per l’epoca, misura 110 metri per 64. Proprio la lunghezza del campo è una caratteristica di Campo Testaccio: a seconda del modo di giocare dell’avversario tale misura può variare.

Una menzione speciale meritano i due guardiani e tuttofare Zi’ Checco e la Sora Angelica: lui sistema i bulloni degli scarpini, fa le righe del campo mentre lei si occupa del bucato delle maglie dei giocatori e spesso gli prepara anche da mangiare. Campo Testaccio segna la storia della compagine capitolina in modo assoluto, romantico e passionale. Il pubblico è un tutt’uno con la squadra e questo incute timore negli avversari.

“Campo Testaccio, c’hai tanta gloria, nessuna squadra ce passerà” recitava la “Canzona” sulle note di un tango di successo dell’epoca: “la Guitarrita”. Le statistiche degli undici anni di vita del campo recitano: 161 gare di campionato ( 103 vinte 32 pareggi 26 sconfitte) 53 gare tra amichevoli e coppe (47 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte). Il primo gol romanista a Campo Testaccio fu di “Sigghefrido” Volk in Roma-Brescia 2-1 nel Novembre 1929, l’ultimo di Timon in Roma Livorno del 30 Giugno 1940 esattamente 75 anni fa.

La prima sconfitta nel fortino romanista avvenne in amichevole per opera degli ungheresi delBudapesti (1-2) nel Dicembre del 1929, mentre la prima ad uscire con i due punti in campionato fu la Juventus (2-3) nel Gennaio 1930.  Particolare curioso: nel Marzo del 1931 la Juventus, la squadra che a partire da quell’anno vincerà 5 scudetti di fila, perde a Testaccio per 5-0 (reti di Lombardo, Volk, doppietta di Bernardini, Fasanelli). Lo spettacolare risultato risultò d’ispirazione per un film nel 1932 dal titolo proprio “5-0”, con protagonisti alcuni giocatori della Roma.

Il 21 ottobre 1940 cala il sipario su quella che è stata l’unica casa di proprietà della Roma: le ruspe entrano in azione per la demolizione. L’ultimo capitano di testaccio, Andrea Gadaldi, insieme al neo allenatore Shaffer, che diverrà campione d’Italia con i giallorossi due anni più tardi, restarono lì fino a quando le ruspe avranno terminato il loro lavoro.

“Furono anni indimenticabili. Il loro ricordo, come non fu cancellato dal piccone demolitore, che ridusse a nudo spiazzo il ritrovo tanto caro agli sportivi dell’Urbe, così non sarà sommerso negli animi dall’oblio e dall’incalzare delle cose” (Cit. “Storia Illustrata della Roma”, Olimpia Editrice, pubblicazione settimanale del 1953).

1 2 3 42