Ranking Uefa, Roma al 16° posto a pari merito con il Napoli

Dopo la fine della fase a gironi della Champions League e dell’Europa League, la Roma è posizionata al 16° posto del Ranking UEFA con 76.000, a pari merito con il Napoli. Guida la classifica il Real Madrid (134.000), seguito da Barcellona (123.000) e dalla coppia Bayern Monaco-Atletico Madrid (121.000). Tra le italiane, la migliore è la Juventus con la quinta piazza a quota 115.000.

De Sanctis: “Florenzi ha tenuto comportamenti significativi nonostante le panchine. Vogliamo tenere Smalling”

Nel prepartita di Roma-Wolfsberg ha parlato il dirigente giallorosso Morgan De Sanctis:

De Sanctis a Sky Sport

Pochi gol subiti dopo un inizio difficile?
“Abbiamo iniziato facendo tanti gol e subendo tanto. Nell’ultima parte del campionato abbiamo riacquistato una nuova solidità difensiva e tanto equilibrio, vogliamo pressare gli avversari e non prendere gol”.

Tenere per tanto tempo Florenzi in panchina?
“La società è forte così come la figura dell’allenatore, i giocatori ne rispettano le scelte. Sono state bellissime le parole che il capitano ha sempre detto, ha tenuto comportamenti significativi. Siamo tutti soddisfatti di queste risposte rispetto alle aspettative che ha la piazza di Roma, in alcuni caso abbiamo disatteso. Ci fa piacere che venga sottolineata questa cosa, c’è differenza rispetto al passato”.

Centrata la strada da percorrere?
“È molto merito di Fonseca, gli va riconosciuto. I giocatori ce la stanno mettendo tutta per acquisire le sue direttive e la squadra risponde sempre bene. Avremmo voluto delle situazioni diverse in merito alle assenze, non c’è stata continuità per infortuni ma è stata un’opportunità per trovare nuove soluzioni e nuova linfa, nei momenti delicati il gruppo ha trovato sempre forza e una buona guida interna”.

Smalling resta?
“Voi sapete benissimo che la società sta cercando di trovare una soluzione che faccia felici tutti quanti. C’è la volontà di tenerlo, poi bisogna fare i passi giusti con calma e confidando nel sentimento del giocatore che ribadisce che a Roma sta bene”.

De Sanctis a Roma TV

Partita da non sbagliare?
“Si, lo era anche la precedente con l’Istanbul. Abbiamo fatto il primo step, non dobbiamo abbassare la guardia. Fare una prova valida oggi significherebbe portare a casa il risultato e ce la metteremo tutta”.

I tifosi hanno manifestato la voglia di arrivare in fondo a questa competizione.
“Si, giustamente, così come la società vuole arrivare in fondo a questa competizione. La Roma deve fare il massimo per coronare il cammino europeo”.

Quanto è cresciuta la Roma rispetto alla partita d’andata?
“La Roma sta continuamente dando segnali positivi, che portano risultati. Ma aspettiamo le prossime tre partite per un primo bilancio, ora non è il momento”.

Ashley Cole su Smalling: “Spero che resti alla Roma, gioca sempre e si sta divertendo”

L’ex terzino della RomaAshley Cole, ha parlato al quotidiano inglese Mirror. Queste le sue dichiarazioni sul futuro di Chris Smalling, in prestito ai giallorossi dal Manchester United: “Molto dipende da come si sente, ho visto che sta giocando sempre e si sta divertendo. Allo United invece non scendeva in campo. Quando passano gli anni cominci a pensare a dove ti puoi divertire, lo United è un grande club ma al momento gioca e si sta godendo la vita, la cultura e il calcio italiano. È la cosa più importante. Spero che resti portando la Roma più su in classifica perché al momento non va abbastanza bene”.

Europa League – Roma ai sedicesimi di finale, ecco le possibili avversarie. Lunedì alle 13 il sorteggio

Con il 2-2 contro il Wolfsberg, la Roma di Paulo Fonseca ha staccato il pass per i sedicesimi di finale di Europa League. Visto il secondo posto nel girone J (l’Istanbul Başakşehir ha battuto il Borussia Mönchengladbach), i giallorossi faranno parte delle non teste di serie al sorteggio. Gli accoppiamenti verrano decisi lunedì prossimo, alle ore 13:00 a Nyon. Al primo step della fase ad eliminazione diretta parteciperanno: le 12 vincitrici e le 12 seconde classificate nei gironi, più le squadre provenienti dalla Champions League, terze classificate nei loro gironi. Le compagini retrocesse dalla massima competizione europea sono state divise a metà tra le teste di serie e le non teste di serie, rispettivamente le migliori quattro terze e le peggiori. Essendosi qualificata da seconda, la Roma incontrerà una teste di serie e giocherà in casa la partita di andata. Vediamo dunque le possibili avversarie per i sedicesimi, in programma giovedì 20 e 27 febbraio:

Salisburgo
Benfica
Ajax
Siviglia
Celtic
Espanyol
Arsenal
LASK Linz
Basilea
Malmö
Gent
Manchester United
Sporting Braga
Porto

Nell’elenco non figurano Inter e Istanbul Başakşehir: infatti, nei sedicesimi, non possono incontrarsi squadre della stessa nazione e club già affrontati nel girone.

Fonseca: “Ossessionato dall’idea di dominare il match, a disagio quando non abbiamo la palla”

Paulo Fonseca si è raccontato in un servizio andato in onda su Sky Sport 24:“Sono venuto a Roma per vincere. Questi primi mesi non potevano andare meglio. Sono molto felice di essere qui, di vivere in questa città e di aver scelto un club così ambizioso. Sono un po’ ossessionato dall’idea che la mia squadra domini il possesso palla e controlli il matchquando non abbiamo la palla mi sento sempre più a disagio. Stiamo cercando di imporre il nostro stile di dominio del gioco attraverso il possesso palla. Nelle competizioni europee, le squadre giocano in modo più aperto. Dobbiamo essere capaci di adattarci, è questo su cui stiamo lavorando. Tutti sono molto aperti alle nostre idee. La squadra sta crescendo, è un processo nuovo e stiamo ancora all’inizio ma i giocatori hanno reagito bene a tutto ciò che ho chiesto loro. Questo è un gruppo ambizioso e ho molta fiducia in loro. L’Europa League è una sfida enorme, ci giocano squadra fantastiche. Non abbiamo piani a lungo termine vogliamo solo passare la fase a gironi e arrivare il più lontano possibile. Nonostante non vinca un titolo da un po’ di tempo, la Roma è sempre una squadra che gioca per vincere. L’ambizione del club ci spinge oltre i nostri limiti e fa sì che non puntiamo ad altro se non la vittoria. I tifosi ci chiedono tanto, ma sono leali: vogliamo essere all’altezza delle loro aspettative”.

L’arbitro – Nuovo debutto a dicembre con la Roma, la prima volta fu un derby vinto. Bilanci positive per le due squadre, ma in Serie A è una novità

Sarà Antonio Giua della sezione di Olbia ad arbitrare Roma-SPAL nella 16ª giornata di Serie A, in programma alle ore 18:00, allo Stadio Olimpico. 

Debutto in Serie A sia con i giallorossi che con i biancoazzurri per il fischietto di Sassari classe ’88. 

Ci sono due precedenti con la Roma Primavera. Due vittorie su due, di cui una in un derby del dicembre 2015, quando la Roma vinse 2-1 grazie alla reti di Tumminello e Marchizza. Alto il numero di cartellini gialli, ben 5 in 180′. 

Quattro i precedenti con la SPAL tra Coppa Italia e Serie C, con un bilancio favorevole per la squadra di Ferrara. Sono 3 le vittorie, 0 i pareggi e 1 la sconfitta, nel 2016 quando perse 1-4 fuori casa contro la Maceratese. 

L’avversario – Le difficoltà difensive e il pressing asfissiante del Wolfsberg

Sarà il Wolfsberg ad affrontare la Roma nell’ultima gara della fase a gironi di Europa League.

PUNTI DI FORZA – Gli austriaci adottano un pressing molto alto con l’obiettivo di recuperare palla per innescare Liendl, autore di un assist vincente ogni tre partite e abile nel trovare in profondità Weissman. Sulla destra, Novak spinge più del suo corrispettivo a sinistra e i giallorossi dovranno stare molto attenti anche agli inserimenti delle due mezzali, in particolare a Schmid, classe 2000, bravo ad andar via nell’uno contro uno.

PUNTI DEBOLI – Il Wolfsberg conquista molti palloni ma ne perde anche parecchi e se pressato va in difficoltà. La Roma potrebbe quindi affrontare gli austriaci con la stessa loro arma. La squadra di Fonseca può inoltre contare su una maggiore abilità nel palleggio per eludere la pressione avversaria e sorprendere gli austriaci in contropiede, dopo aver saltato la prima linea di pressing. Saranno importanti quindi Diawara e Veretout ma anche il trequartista (presumibilmente Mkhitaryan) dovrà abbassarsi molto per offrire una linea di passaggio libera ai propri compagni. I difensori avversari soffrono nell’uno contro uno e faticano ad assorbire i rapidi fraseggi al limite dell’area e potrebbero farsi sorprendere anche da rapidi lanci dalle retrovie.

GIOCATORI CHIAVE – Liendl è l’uomo chiave del Wolfsberg. Se si accende può fare male e può trovare il varco per mettere in porta un proprio compagno. Svaria per tutta la trequarti e fa correre il pallone con precisione ed efficienza. Spesso lo fa correre per Weissman, autore di un gol ogni due partite e bravo a penetrare con il tempo giusto nelle difese avversarie. Occhio anche al già citato Schmid, giovane, bravo negli inserimenti e nel dribbling.

La probabile formazione del Wolfsberg
Wolfsberg (4-3-1-2): Kofler; Novak, Solbauer, Rnić, Schmitz; Schmid, Leitgeb, Ritzmaier; Liendl; Weissman, Niangbo.

Bellinazzo: “La trattativa tra Pallotta e Friedkin prosegue”

Il giornalista de Il Sole 24 OreMarco Bellinazzo ha pubblicato un tweet sulla trattativa tra James Pallotta e Dan Friedkin per la cessione della Roma: “Per quanto mi risulta la trattativa fra #Friedkin e #Pallotta per la @OfficialASRoma prosegue. Gli irrigidimenti in questi affari sono la prassi. Il club senza stadio vale 500/600 mln al netto dei debiti. Con ok allo stadio 150/200 in più. Il tema della valutazione è questo”.

1 2 3 2.229